Mixology. Come una volta

I gesti dimenticati. Quelli di una volta. Del maschio di una volta. Il maschio ferocemente ambizioso che viveva per la carriera, i soldi, le macchine, le donne e per altri piaceri, compreso quel paio d’ore per se stesso, sorseggiando un drink che lo rappresenta, dal gusto forte e deciso. Un drink accompagnato da un sigaro, che in base alle preferenze può essere potente, oppure blando.

Ormai lo hanno ucciso, fra divieti atroci e il politically correct. Poi i maschi beta fingono che non esiste, mentre i molli maschi zeta lo deridono. Eppure resiste. Certo, ha più di 50 anni, o poco meno, appartiene ad un mondo che sta per finire. Intanto, resiste, vivendo meglio di tutti gli altri messi insieme.

E cerca dei posti dove si riconosce. Non sono certi i bar aperti di recente, molto belli, ma assai spersonalizzati. Spazi ampi, per tanta gente. Intimità, poca. I mixologist sono spesso dei nerd senza anima, che non sorridono mai, in compenso esibiscono una barba ben pettinata. Una bella mano, tanta teoria, poco carattere, molta scena, zero sostanza. Bartender da operetta e da concorsi. Da balletto in punta di piedi. Non ti smuovono le viscere, non ti rendono indimenticabile la serata. Sono carini e rendono la serata piacevole. Tutto qui. Emozioni, anche no.

Per questo esco assai poco. In più, non puoi fumarti il sigaro quasi da nessuna parte. Amen, si sta a casa. A meno che non ti imbatti quasi per caso in un posto che ti fa battere il cuore. Come una volta.

Per caso, dicevo. O forse no. Comunque, il bar si chiama Mixology. In Piazza Vetra. Il barman ha il physique du role. Cazzuto. Deciso. Voce rauca. Si chiama Gianluca Amoni.
Il bar è intimo e maschio, quasi nascosto, con tanti angoli dove puoi stare in santa pace, senza sentire troppo il rumore degli altri. Solo tu e lei. Arredi old fashion, apparentemente pochi tavoli, poi ne scopri degli altri al piano di sopra e altri ancora sotto. Ecco, sotto diventerà uno spazio per i fumatori.
Sigari, cocktail decisi e ben fatti. Poi lei che ti sorride come nessuna.

La vita perfetta di una volta

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *