Il dispenser da salotto

Eurocave

Home dispenser

Tanto cibo, niente vino. Delivery delivery delivery e ancora delivery, sempre e solo delivery. Si, ma avete fatto caso? Si ordinano pietanze strepitose, non importa se da Gong o da Varrone, da Dim Sum, oppure da Il Liberty o chi volete voi (ogni giorno la lista si allunga, rimane da vedere cosa accadrà dopo l’apertura vera e propria dei ristoranti). Asiatico, classico, regionale.

E il vino? Ce lo siamo dimenticati. Le persone che ordinano a casa, si presume, sono dei clienti fidelizzati. Per cui nei tempi normali vanno al ristorante, si siedono, scelgono da mangiare e poi anche il loro vino preferito. Ora invece, con il delivery, ordinano solo dei piatti, poche eccezioni a parte.

Per il bere ognuno pensa da sé. In molti hanno una cantina ben fornita, altri forse acquistano online. Non è questo il punto.

La domanda è se a casa riusciamo a bere come al ristorante, ovvero un bicchiere dopo l’altro, fino a quando si finisce la bottiglia. Pensiamo di no, per una serie intera di ragioni, tempo passato a tavola incluso: al ristorante, se stai bene, tendi a passare la serata. A casa tua sei più sbrigativo. Di conseguenza non hai il tempo materiale per poter finire una bottiglia, anche in due. Forse manca anche l’atmosfera giusta.

La gran parte delle persone si arrangia, mette il tappo con l’intento di finirla il giorno dopo. Morale, sarai quasi costretto di bere lo stesso vino solo per non buttarlo.

C’è una soluzione, però: il dispenser per sole due bottiglie proposto da Eurocave. E’ a uso personale, costa 450 euro.

Sentite Arianna Della Zanna, che è la distributrice per l’Italia.

“Eurocave ha inventato il sistema di conservazione della bottiglia aperta tramite aspirazione dell’aria, ideandolo su un sistema domestico.

Questo ha poi portato alla realizzazione della macchina ad uso professionale, perché il modo di servire il vino rimaneva particolarmente impresso ai professionisti. In pratica potevano avere un discreto tempo di durata del vino (fino a 10 giorni) conservando il modo tradizionale di servirlo al tavolo.

La macchina oltre a non avere costi aggiuntivi, non ha nemmeno costi di manutenzione.

L’unica limitazione è il sistema di riscaldamento/raffreddamento che avviene tramite cellule peltier: di conseguenza non è possibile impostare le temperature, perché sono pre-regolate dall’azienda a circa 6/7° C per i vini bianchi e circa 16° per i vini rossi”.

A noi il sistema piace, anche l’oggetto in sé. Può essere un ottimo regalo. Per voi e anche per gli altri. Però cominciamo da noi stessi. Trattiamoci il meglio possibile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *