Delivery, fermatevi: così non va

Si, voi. I ristoratori che state aggredendo la clientela perché educatamente prova a spiegarvi che il vostro delivery abbia delle mancanze.
Ormai non vi tiene nessuno. “E’ facile parlare dal divano”, “Dovete capire la situazione”, “Siete negativi”, “Fate i maestrini”. Avete dimenticato il più elegante “Vi è piaciuto? Avete gradito? Come possiamo migliorare?”. E invece no. Giù improperi.Ora. La situazione è terribile. Vi siete trovati in una situazione tremenda, per di più da oggi a domani avete dovuto chiudere e cercare una via per sopravvivere, spesso con mezzi di fortuna. Onore al merito, siamo tutti con voi. Poi però stop.
Se paghiamo 100 vogliamo avere 100. Se paghiamo 50 vogliamo che il delivery valga 50, non 25. Troppo spesso il percepito vale meno per via dei contenitori, delle preparazioni e via dicendo. Migliorate o sennò cuciniamo da soli. Nei primi giorni si poteva capire tutto e giustificare qualsiasi leggera (o meno leggera) defaillance.
Ora invece non più. Siete nervosi, avete ragione. Ma non potete continuare ad aggredire chi educatamente sostiene che spesso il vostro delivery scivoli verso l’effetto rosticceria. E’ un dato di fatto.
Fermatevi un attimo a resetare tutto. Così non va. State commettendo degli errori assurdi, dalla comunicazione ai piatti stessi. Lo sappiamo, la confusione è generale e totale. Ma così andate di male in peggio. Parlate con i vostri responsabili stampa, i consulenti, non so come siete organizzati. Io uno vedo errori madornali ad ogni angolo, perfino i più grandi ne fanno. Non starò qui a elencare, è compito del loro ufficio stampa o chi per essi. Sono pagati per questo: lo so lo so, cosa mi risponderete.
Però credeteci: i clienti non vedono l’ora di parlar super bene di voi. Nessuno prova piacere nel criticare, soprattutto in questo periodo. Però oltre i, diciamo, 30 euro, non è accettabile e ammissibile alcun errore, alcun scadimento qualitativo. Prendetela come uno stimolo, non come una critica dal divano. Sennò, torneremmo a ordinare solo pizza, perché per 10 euro ci va bene tutto.
Non potete dettare legge con i nostri soldi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *