Expeeerieeenceeeee. Ovvero dire niente ma dirlo da snob

Vivere una experience. Ooooh yeaaaah. Come vi piace dire expeeerieeeence. Esperienza, oppure fantastica serata vi pareva ormai cheap. Da gente comune. Invece expeeeerieeence vi fa sentire fighi, intenditori, superiori. Per lo meno è quello che pensate voi. Che fate parte di un piccolo mondo esclusivo, l’unico in grado di capire la sofisticatezza della cucina creativa e simili. Ve la cantate e ve la suonate nel più autoreferenziale dei modi, senza rendervi conto che da una parte vi rendete ridicoli (e fin qui, mi pare ovvio) e da un’altra state trasformando gli chef in vere e proprie macchiette. Perché a voi pare troppo da comune mortale dire che nel ristorante ics si mangia divinamente: no, per voi è una experience. Che poi vai a sapere cosa diamine vorrà mai dire. All’improvviso compare Sandokan, oppure arriva Michael Jackson, il cameriere ha la divisa fosforescente e porta i piatti ballando il tip tap, lo chef gira nudo in cucina. Tutto può essere ezperience. Il punto è questo: non sapete raccontare e spiegare questa “experience”. Usate la parola, poi nulla. Nada. Avessi sentito uno a saper spiegare in due righe la sua serata, la sua cena. Nessuno. L’unico risultato è che le persone si allontano da questo mondo che state rendete sempre più antipatico e incomprensibile. Certo, voi lo fate pensando di impossessarvi e accreditarvi non si capisce presso chi.Poi il modo nel quale lo state dicendo. Del tipo “lì è per palati raffinati e per dei connaisseurs, non so se riuscirai a capire i piatti, forse non sei ancora pronto”. E grazie a voi che molti di questi ristoranti fanno soltanto tre coperti a sera, costringendo gli chef a pubblicizzare pentole per sopravvivere. Certo, gli chef hanno messo molto del loro, però il colpo di grazia lo avete dato voi, quelli che pronunciate Escoffier con la boccuccia a mo’ di prugna. A proposito, pace all’anima sua, lui porello non ha alcuna colpa, che ne sapeva lui che a decenni di distanza sarebbero nati mostri del genere? Ovviamente nessuno si riconoscerà nel ritratto caricaturale fatto qui sopra. Nessun problema. Noi altri continueremo a prendervi per i fondelli in varie chat private e simili. Dimenticavo: i più imitati siete quelli che amate dire cose del tipo: “La cucina dello chef ics? La adooorooooooo. Quello chef lì? L’ho scoperto io”. Ma li mortacci vostra

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *