Quando non sai fare i conti

Alcuni chef hanno scoperto che non riescono a mantenersi con la ristorazione. Se ci pensate è assurdo: uno non riesce a mantenersi con il proprio mestiere. E poi avete fatto caso?

Sono spariti gli chef di grido. Sono spariti i loro sproloqui autoreferenziali. Io di qui io di lì io io io io io. Non senti nemmeno più la loro finta difesa del territorio, la sostenibilità di ‘sta cippa, come se per davvero a loro interessasse (okay, forse a uno su cento, facciamo uno su trecento). Niente ricette mirabolanti, con l’ispirazione arrivata durante un viaggio in Mongolia e simili. Niente corte dei miracoli che batte le mani. Hanno un sacco di problemi, come tutti noi d’altronde. Con una sola differenza. La gran parte si sono resi conto di essere nudi. All’improvviso si sono resi conto di avere il ristorante in rosso. Si credevano imprenditori di successo, quando imprenditori di successo non lo erano affatto. Incassavano molto e questo copriva le magagne e le incapacità. Tolti alcuni di loro, per gli altri si è arrivati alla terribile conclusione che si devono mantenere con il ristorante. Scoprendo che è impossibile. Se ci pensate è assurdo. Ristoratori che non riescono a vivere con la ristorazione. Per anni si sono guardati l’ombelico, convinti di avere un tocco in più anche per gli affari, non solo in cucina. Che errore. Vanno però capiti. Si erano attorniati di persone che solleticavano il loro ego. Tutti a dar ragione in cambio di un pasto gratis. Certo, andava tutto divinamente. Consulenze, congressi, cene private, settimane all’estero. Ora resta solo il ristorante. Che non basta. Di consiglieri e consulenti veri non ne hanno, perché volevano incassare tutto loro, convinti di saperne abbastanza. Tradotto, non mi serve uno con delle conoscenze in materia, io da solo incasso a guadagno a manetta, perché riconoscere una provvigione ad un terzo? Mi prendo tutto io. Al massimo gli offro una cena, ma soldi niente.

Ora il vento è girato. Non si sa come andrà, però non hanno la minima idea sul come muoversi. Da una parte sono ancora convinti di essere un gradino sopra dio, da un’altra dovrebbero abbassare la cresta e chiedere prestiti e a convincere gli investitori, Che però nicchiano. To be continued.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *