Il profumo della pizza

Il profumo. Possiamo innamorarci all’istante di una pizza per via del suo profumo? Certo, poi ci vuole tutto il resto, dall’intensità dei gusti fino ai colori e alla croccantezza. Parlo però del coup di foudre, del colpo di fulmine. E poi possiamo cadere d’accordo sul fatto che ognuno di noi possa, oppure debba avere una pizza che lo rappresenti al miliardo per cento? Ci avete mai pensato? Io quasi sempre, appena ne azzanno una. Per anni ho fatto mia quella con mortadella e pistacchio. Poi, l’illuminazione. E’ questa. La montanara. Fritta, poi accompagnata gentilmente al forno. Lo confesso, io sono molto influenzato dai profumi. Parlo in generale. Una donna che ne indossa uno anonimo mi allontana. Vale anche l’opposto. Avete presente quando volete riempirvi di lei, quando vi avvicinate e la stringente forte a voi cercando di rubarle ogni goccia di profumo che ha addosso? Quei momenti che vorreste non finissero mai?

Con il caffè, idem, Io amo quello turco. Dovete vedermi la mattina. Sto con il naso dentro al bricco, è inebriante.

Pizza, donne, caffè. Il profumo mi conquista, mi stende. E mi piace da morire vivere così. Guardate qui. Pomodori, pinoli, olive. Tutto alla massima potenza, vorresti fermare il mondo e dire “vi prego, ancora un attimo, ancora un attimo”.

Cercate il brivido, cercate le emozioni forti, le più forti e intense possibile. Senza, non ha alcun senso vivere. E credetemi, non c’è differenza fra le sensazioni che si vivono assorbendo il profumo della vostra donna e quelle della pizza che vedete nella foto. Capperi che pizza. Piazza Santa Maria del Suffragio. La montanara. Indimenticabile. Come la vostra donna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *