Deridere il salutismo malato. E tossico

Deriderli. Irriderli. Farli sentire inadeguati. Prenderli per i fondelli. Farli diventare paonazzi, come lo sono di solito, h35. Prima era giusto ignorarli del tutto e lasciarli cuocere nel loro tossico brodo. Ora però è quasi un obbligo deriderli, però facciamolo con estrema leggerezza. Deriderli sorridendo. Anche perché il loro senso dell’ironia è sotto zero. Sono permalosi. Presuntuosi. In più si prendono la libertà di darci delle lezioni non richieste.

Avete mai sentito un carnivoro dedicare del tempo ad un pallido saccente? Mai. La vita è una, guai a perderla per tediosità rognose e per rognosi tediatori. Per cui. L’intento è di ridere di loro. Forse così pian piano si calmeranno. Lo so, è impossibile. Però almeno, chissà, si sentiranno inadeguati e penseranno (utopia) tre volte prima di aggredire il mondo.

Ovviamente io li deriderò raccontando episodi di vita sessuale e sentimentale con figuri del genere. Delle comiche pazzesche.

Voi ditemi, un salutista saputello non ve lo immaginate noiosello e precisetti anche a letto? Che prima di muovere i lombi si prenda la premura di mettere per bene la camicina a pois, oppure azzurrina pallido, sull’ometto? E poi, finito il veloce amplesso, rimetta subito le lenzuola in ordine militaresco? Le donne invece le vedete pure voi, ovunque. Le salutiste, tre eccezioni a parte, hanno i capelli opachi. A volte unti. Si vestono in maniera polverosa e sciatta. Abiti senza alcuna forma. Dei sai. Abbinamenti colori, figuriamoci. Le borse sono sempre saccocce gigantesche, in tessuto cheap diventato zozzo, sporco. A loro piace. Di sicuro non dà alcun fastidio. Sull’alito cattivo non giurerei, ma solo perché non ho mai incontrata una da vicino.

Se qualcuno vuole perdere il tempo e iniziare con vergogna, body shaming e comiche simili, faccia pure. Non lo leggerò. Non è vietato essere ironici e nemmeno prendere per i fondelli. E’ vietato passare con il rosso. Quello sì.

Penso di fare una rubrica con le vostre storie. Titolo: Ridiamo di gusto. Mandate. Esperienze dirette. Riempiamoli di ridicolo.

Intanto faccio copy paste di una storia del genere. Lo ha postata Monica Peroni. Coraggio. In privato lo pensa il miliardo per cento delle persone. Poi chi ha dei tornaconti mente, ma si vede. A quanto pare a breve il politically correct morirà. Viviamo il peggior periodo della storia, non potrà continuare a lungo. Perfino i giornalisti mainstream, quelli che mentono di default in cambio di stipendio, si stanno stufando. Si rendono conto di essere diventati più macchiette di prima. Prima si concentravano sul rubare sulle note spese. A proposito, visto che siamo in tema. Qualche anno fa un noto giornalista fu beccato per aver compilato cinque note spese per un pranzo. Volevano licenziarlo (figuriamoci). Lui andò dal medico che prescrisse una ricetta. Indovinate. Stava scritto “il paziente deve pranzare per cinque volte, a intervalli regolari, per sovraccarico intestinale”. O qualcosa di simile.

Prendiamoli per i fondelli. Lo scopo? Oltre a ridere a crepapelle, facendo loro capire che ognuno può fare quello che vuole senza però aggredire l’altro. Tutto qui. Mangia quello che vuoi. Muori sano e con il corpo pieno di ottimo zenzero. Organizzatevi in gruppi, parlate fra di voi. “Ciao, sono Mimmoso e sono salutista. Ciao Mimmoso”. Vestiti di sai e abiti insulsi. Cantate melodie indù. Ma senza dirci parola. Fino a quando lo farete, io e altri vi derideremo. O dio, diremo solo la verità. Per esempio che la stragrande percentuale del delivery la rappresentano gli hamburger.

Monica Peroni

🌈🌸 AUGUROSITA’🌸🌈 VITTORIA 🌟🦄E VOI CHE RICETTINE FATE AI VOSTRI BIMBI?OGGI CHE È DOMENICA IN CASA NON BADIAMO A KALORIE!!!Ho fatto le CAROTINE al SESAMO BIO DA AGRICOLTURA SOSTENIBILE 🥕🥕🥕🥕UN DOLCETTO ALLA SOIA SENZA LATTE BURRO UOVO E FARINA!!!🍓😋YUMMY 😋😋😋E POI PER FINIRE QUESTA SORPRESAL’ nfluencer più COOL 🌟🌟🌟sponsorizza la mia nuova linea di borse biodinamiche riciclate 0 spreko in yuta 100%riciclabile!!! 🌟🌟🌟🌟

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *